mercoledì 28 giugno 2017,
     
 
Itis Volterra - PON 2014-2020
Amministrazione Trasparente
Amministrazione Trasparente
Pubblicità legale
Servizi e informazioni per i genitori
L'Istituto ha attivato i seguenti servizi per genitori:
- verifica assenze e ritardi;
- prenotazione colloqui;
- valutazioni quadrimestrali (pagelle);
- iscrizioni on line.
MaD
Messa a disposizione
Graduatorie
Bandi di gara e contratti
Programma Erasmus plus
Itis Volterra - Progetto E-Tourism 2015
Robotica
RoboCup Junior Italia
RoboCup Junior Selezione Veneto
Progetto pilota
Albo sindacale
Alternanza scuola lavoro
Ogni anno i nostri studenti possono partecipare agli stages professionali organizzati presso aziende locali del settore di appartenenza.  » Itis Volterra, Alternanza scuola lavoro
Certificazioni
LEGO® Education

Il nostro Istituto è certificato LEGO® Education INNOVATION STUDIO (LEIS). »

Inaugurazione laboratorio LEIS. »
 
Il nostro istituto è Local Academy Cisco System per conseguire la certificazione CCNA.  » Itis Volterra,  
 
Il nostro Istituto è Test Center per il rilascio della Patente Europea del Computer.  » Itis Volterra,  
 
L'istituto organizza per gli studenti interessati corsi specifici di preparazione agli esami dell'University of Cambridge - ESOL Examinations per il conseguimento di una certificazione della competenza della lingua inglese PET e /o FCE.  »
Biblioteca d’istituto - Catalogo Online
 
   
 Utenti collegati: 950
 Visite: 3900
Intitolazione spazi  

Marcon, Ferron, Girardi, tre protagonisti in diverso modo e in diversi tempi, nella città e nella scuola. Tre visioni pedagogiche: la scuola nella dimensione formativa-comunicativa concreta e permanente (Marcon); la scuola nella dimensione istituzionale (Ferron); la scuola nella dimensione relazionale-affettiva (Girardi).

In questa fase di crisi delle istituzioni educative, l'Istituto Volterra vuole ricordare e suggerire ad esempio queste figure, dedicando loro spazi significativi di incontro e di lavoro al proprio interno.

Intitolazione Aula Magna a Virgilio Marcon
(1903 - 1976)

Virgilio Marcon, singolare tempra di uomo schietto e severo dalla personalità eclettica. Le sue notevoli capacità gli consentono di sviluppare interessi che, partendo dall'arte figurativa, si estendono successivamente all'astronomia e ad altri ambiti del saper fare con eccellenza.

L'impronta di un austero senso del dovere, maturata nelle difficili condizioni di vita, lo accompagna in tutta la sua esistenza esprimendosi nei rapporti con la gente che frequenta, ma anche nell'assolvimento di importanti funzioni a risvolto sociale. Le umilissime condizioni economiche della famiglia non si conciliano con il suo desiderio di imparare, tanto che è costretto durante il giorno a lavorare nei campi e alla sera ad andare a scuola, non potendo nemmeno completare il ciclo elementare. Da autodidatta, divora i libri che riesce a farsi prestare e così, nonostante le pesanti limitazioni, all'età di trent'anni, consegue l'abilitazione all'insegnamento artistico.

La sensibilità e la disponibilità nei confronti dell'ambiente sociale in cui vive, unite all'ampiezza degli interessi culturali, lo portano - prima, nel 1934 - ad accettare la nomina d'ufficio a Podestà - poi, nel 1943 - a partecipare alla Resistenza; più tardi, nel 1963 è chiamato alla funzione di presidente dell'Associazione Artigiani di San Donà di Piave. L'attività artigianale che impegnerà Marcon per il resto della vita - accanto all'insegnamento, praticato con passione e mai abbandonato - inizia nel 1947.

Appresa la notizia che un gruppo di astrofili aveva costruito un telescopio a riflessione, decide di cimentarsi nella loro emulazione, e, pur mancando di tutto, dal vetro ai materiali, alla conoscenza delle tecniche di lavoro, riesce a realizzare un primo specchio concavo. Dopo i primi tentativi, brevetta un suo metodo per dare curvatura perfetta agli specchi riflettori di crescente diametro.

Rapidamente Marcon, con caparbietà e intelligenza, riesce a migliorare le tecnologie produttive, anche introducendo l'alluminio in sostituzione del vetro quale materiale base per gli specchi, fino a ottenere una perfezione mai raggiunta prima.

La sua alta maestria gli procura ampi riconoscimenti da parte della scienza ufficiale: uno specchio riflettente di ragguardevoli dimensioni è installato nel telescopio dell'Osservatorio di Merate; molti altri in osservatori astronomici di tutto il mondo.

Intitolazione Sala riunioni a Oscar Ferron
(1922 - 1998)

Oscar Ferron, presidente del comitato genitori della sezione staccata, in San Donà di Piave, di una scuola di Mestre, grazie alla capacità di trascinare l'intero organo che presiede, diventa protagonista negli anni ottanta della nascita di un nuovo autonomo istituto tecnico.

In questa impresa si imbatte in procedure incredibilmente tormentate. Non incontra solo i problemi della costituzione di una scuola complessa in una piccola città, ma soprattutto una avventurosa sequela di tortuosi rapporti tra istituzioni, di interessi politici non sempre coerenti, di contrasti imprevisti con la burocrazia, di furbizie ed elusioni, praticate da chi aveva progetti diversi, per distrarlo e scoraggiarlo.

Ferron non si sfiducia. La passione con cui porta avanti il suo proposito di dare alla città di San Donà di Piave un istituto tecnico industriale e la tenacia nel difendere idee e diritti, alla fine vincono sugli innumerevoli ostacoli. Anche successivamente, a distanza di molti anni da quella laboriosa impresa, Ferron continua a seguire la crescita della sua scuola. La sua partecipazione alla vita scolastica si inserisce in un più ampio impegno sociale, che Ferron sempre sente come dovere di cittadino: è consigliere dell'USL sandonatese e del tribunale per i diritti del malato.

La dimensione assunta oggi dall'Istituto "Volterra" dimostra quanto fosse stata lungimirante l'idea di rendere autonoma questa scuola e quanto rilevante sia stato il servizio reso alla cittadinanza. vatori astronomici di tutto il mondo.

Intitolazione Laboratorio Sistemi automatici a Michele Girardi
(1971 - 2002)

Consegue il diploma di Perito informatico all'Istituto "Volterra" e successivamente si laurea in Scienze dell'informazione con il massimo dei voti. A trent'anni torna da docente nella scuola ove è stato studente.

L'insegnamento - al quale si dedica con generosità, serietà e competenza - è la professione che raccoglie nella forma più piena il suo desiderio di vivere rendendo gli altri partecipi delle cose che conosce o che scopre.

E' un esploratore della vita nei suoi aspetti più vari e in questa sua vocazione riesce a coinvolgere chi gli sta accanto. Fin da bambino la curiosità lo spinge a scoprire tutto ciò che sfugge all'osservatore superficiale. Si appassiona all'astronomia, allo sport, alla musica, alla scienza. All'apparenza introverso e schivo, è ispirato da un forte desiderio di condividere i suoi interessi e i suoi entusiasmi. Anima un gruppo parrocchiale, suona l'organo alle messe domenicali e si dedica all'esperienza del canto corale.

Un aspetto meno noto della profonda sensibilità di Michele Girardi emerge dalle poesie, che assieme alle composizioni musicali, esprimono il suo modo di sentire la vita, con estro e originalità. L'irresistibile bisogno di conoscere e di cimentarsi lo porta - ancora giovanissimo - a trovare tragicamente la morte in una situazione di avverse congiunture.

 
   
Copyright © 2008 - 2017 I.T.T.S. "Vito Volterra" - via Milano, 9 - San Donà di Piave, Venezia
tel. 0421.339411 - fax 0421.339441 - Codice scuola VETF060003 - C.F. 93003040271
vetf060003@istruzione.it - vetf060003@pec.istruzione.it
       
   

CSS Valido!

Valid XHTML 1.0 Transitional

Creato con la migliore sicurezza in Wordpress